news_eco_privacy
La sicurezza dei dati aziendali è possibile con le certificazioni.
Febbraio 13, 2020
news_eco_formazione
Investi il tuo tempo nella formazione: il corso questa volta è gratis.
Marzo 12, 2020
news_eco_formazione

Prevenire e contrastare il bullismo e il cyberbullismo si può.

Usiamo la prassi di riferimento dell’UNI e certifichiamoci.

Sono ormai parecchie le scuole e i centri di formazione che sono conformi alla Prassi di Riferimento 42 dell’UNI: la prima linea guida certificabile, nata dalla collaborazione tra UNI ed ACCREDIA, che affronta il tema del bullismo nella scuola di ogni ordine e grado e in tutte le attività assimilabili alla scuola (ad esempio, centri di formazione professionale, centri diurni, convitti, centri giovanili, centri sportivi, centri ricreativi e così via) e, in generale, a tutte le organizzazioni rivolte ad utenti minorenni.

Disponibile sia in italiano sia in inglese per poter essere applicabile anche alle scuole internazionali in Italia e all’estero, la Prassi fornisce quindi alle organizzazioni interessate le linee guida per applicare in modo efficace le prescrizioni di legge sul bullismo e sul cyberbullismo, individuare i rischi potenziali e mitigarli, comunicare, con efficacia, all’esterno le proprie strategie antibullismo, rafforzare la fiducia delle famiglie e della società nei confronti delle scuole e delle organizzazioni che ospitano minori e favorire un approccio multidisciplinare al contrasto del fenomeno, tenendo conto anche del rischio legale per i vari operatori che lavorano a contatto con minorenni.

L’applicazione della prassi e l’eventuale “certificazione antibullismo” consente infatti di dare dimostrazione, anche in caso di contenzioso, dell’impegno e delle misure messe in atto per prevenire questo rischio e di dimostrare la due diligence della dirigenza scolastica.

Quali sono i principali requisiti e azioni per adeguarsi alla Prassi antibullismo:

  • definizione di una PROCEDURA per l’individuazione e la gestione delle criticità relative al bullismo, anche attraverso segnalazioni in forma anonima relativa a possibili atti di bullismo;
  • adozione e pubblicazione di una POLITICA “antibullismo” da comunicare anche all’esterno;
  • predisposizione ed aggiornamento annuale di un documento di “VALUTAZIONE DEI RISCHI di bullismo” atta a promuovere sia la prevenzione che il contrasto del bullismo con adeguate azioni correttive e di mitigazione;
  • nomina di una COMMISSIONE Antibullismo rappresentativa di tutte le parti interessate (compresi minori e genitori) con il compito di verificare l’effettivo rispetto degli impegni assunti contro il bullismo;
  • predisposizione di un PIANO DELLA VIGILANZA in grado di garantire la costante e corretta vigilanza sui minori, anche tenendo conto delle diverse fasce di età;
  • definizione di un SISTEMA SANZIONATORIO antibullismo che preveda adeguate regole di comportamento e relative sanzioni (nel rispetto delle leggi del luogo) verso i minori che commettono atti di bullismo e di cyberbullismo;
  • definizione di un PIANO DI FORMAZIONE antibullismo per l’aggiornamento e sensibilizzazione delle parti coinvolte;
  • svolgimento periodico di “AUDIT antibullismo”, sia programmati che a sorpresa, in grado di individuare eventuali situazioni critiche e lo stato di attuazione ed efficacia delle misure prese.

Infine, di seguito i principali vantaggi di una certificazione in accordo alla PdR 42:

  • applicare in modo efficace e sistematico le prescrizioni obbligatorie e di legge in materia di bullismo e cyberbullismo;
  • individuare gli specifici rischi di bullismo esistenti all’interno del servizio educativo;
  • ottenere una certificazione indipendente di parte terza sull’efficacia delle misure antibullismo attuate;
  • comunicare con efficacia all’esterno le proprie strategie antibullismo;
  • rafforzare la fiducia delle famiglie e della società nei confronti del servizio educativo;
  • favorire un approccio multidisciplinare al contrasto del bullismo.

ECOCONSULT può fornire assistenza nell’implementazione di un Sistema di Gestione antibullismo

Tina Nardone, consulente Ecoconsult per il settore formazione, docente UNI e membro delle Commissioni tecniche sulla qualità dei servizi formativi, ci ricorda quali sono i principali vantaggi della certificazione.

“Il primo vantaggio è sicuramente una maggiore garanzia di applicare in modo efficace le prescrizioni obbligatorie di legge in materia di bullismo e cyberbullismo, la certificazione poi ti permette un confronto continuo con gli auditor e quindi un miglioramento delle tue procedure, anche conoscendo le buone prassi attuate da altri operatori, in questo settore ci sono pochi enti ma sono molto preparati e aperti al dialogo. Infine, i progetti che ci hanno visto coinvolti hanno riscontrato molti vantaggi in termini di sensibilizzazione al tema e partecipazione dei docenti e degli studenti, spesso ben superiori al ritorno di immagine che la certificazione offre”.

Nota: Tina Nardone ha uno sportello informativo sui sistemi antibullismo. Per contattarla scrivi a tnardone@ecoconsult.it