news_eco_privacy
Privacy: Stop al trasferimento di dati tra Europa e Stati Uniti
Agosto 28, 2020
Covid-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero
Settembre 2, 2020
news_eco_consulenza-direzione

ISO inizia i lavori sugli incidenti dei consumatori: arriveranno quindi (presto) standard internazionali

Le imprese hanno sempre più a che fare con consumatori informati ed esperti, che prima di effettuare i propri acquisti si interessano riguardo l’origine, le caratteristiche dei beni e dei servizi offerti, ma tengono in considerazione anche la reputazione delle aziende.

Il nuovo trend richiede alle aziende un’attenzione particolare alle proprie azioni e nel modo di comportarsi dei consumatori.

Per questo l’ISO, organizzazione internazionale per la normazione, ha appena attivato un gruppo di lavoro (ISO PC 329), per la normazione nel campo delle indagini sugli incidenti dei consumatori volto a prevenire il ripetersi degli incidenti e a contribuire alla sicurezza dei consumatori.

Stefano Bonetto (partner Ecoconsult, auditor ed esperto di CSR), ci spiega meglio il vantaggio della di questo progetto: “quando l’ISO si occupa di gestione dei rischi per le aziende è sempre positivo, perché avere degli standard internazionali è sempre un vantaggio; dico questo perché l’analisi degli incidenti non servirà a chi dovrà valutare, per esempio un giudice o la compagnia assicurativa, questi soggetti in qualche modo hanno già delle procedure per gestire questo tipo di eventi; la norma servirà moltissimo alle imprese. Prima di tutto per avere un linguaggio comune sulle cose da fare, da dire e da registrare e poi sicuramente gli permetterà di dimostrare che hanno fatto tutto quanto avrebbero potuto fare per evitare il ripetersi di questo tipo di evento e quindi raccontare in modo chiaro e verificabile come hanno eventualmente modificato i prodotti, le macchine, gli impianti.  Avranno la capacità di dire e di fornire al soggetto che valuterà le informazioni tramite un modello standardizzato e condiviso, realizzato per rendere più facile la lettura. Ben venga questa norma, soprattutto perché si inserisce molto bene in quelle che sono le attività che un’azienda deve fare per gestire i rischi da prodotto difettoso, rischio che è sempre dietro l’angolo”