Covid-19: come comportarsi con i lavoratori in rientro dall’estero
Settembre 2, 2020
news_eco_privacy
La privacy sui social network: attenzione a non commettere reato di diffamazione aggravata
Settembre 30, 2020
news_eco_sicurezza

Civa: nuovo servizio INAIL per la comunicazione dell’organismo abilitato

Nasce il nuovo applicativo telematico CIVA che consente ai legali rappresentanti o loro delegati (consulente per le attrezzature e impianti, installatore, ecc.) di comunicare all’Inail il nominativo dell’Organismo incaricato di eseguire le verifiche periodiche per gli impianti di messa a terra, per gli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e per gli impianti in luogo con pericolo di esplosione attraverso il sistema informatico CIVA.

Pertanto, i servizi di certificazione e verifica sopra elencati dovranno essere richiesti esclusivamente utilizzando il servizio telematico CIVA.

Abbiamo chiesto alla nostra esperta Manuela Maffina (RSPP e Responsabile di progetti HSE) cosa cambia per una piccola impresa e se è obbligatorio farlo o facoltativo.

Ecco le risposte alle nostre domande: “ Dal 24 luglio 2020 è possibile utilizzare il nuovo servizio online per la comunicazione del nominativo dell’organismo incaricato di effettuare le verifiche periodiche e straordinarie sugli impianti di messa a terra, dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche e impianti elettrici installati all’interno di luoghi con pericolo di esplosione (art.7 bis DPR 462/2001); sarà disponibile presso il portale INAIL la procedura CIVA, alla quale si accede tramite le proprie credenziali INAIL. I servizi di verifica dovranno essere richiesti utilizzando il servizio telematico CIVA. L’utilizzo dei servizi per l’azienda è riservato al legale rappresentante ed ai suoi delegati (Datore di lavoro, Delegato ai servizi e Amministratore delle utenze digitali)

Operativamente  i datori di lavoro dovranno trasmettere il nominativo dell’organismo a cui hanno affidato la verifica all’INAIL, tramite l’applicativo software (CIVA)

È inoltre possibile utilizzando l’applicativo CIVA richiedere un numero di matricola per impianti già denunciati, ma per i quali il datore di lavoro non ha mai ricevuto matricola, o l’ha smarrita.

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’avviso pubblicato da INAIL.