news_eco_sorveglianza-sanitaria
Covid-19: indicazioni per la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena
Ottobre 27, 2020
news_eco_sicurezza
Premio imprese per la sicurezza 2020: proroga dei termini di presentazione delle domande
Novembre 11, 2020

Nuovo DPCM del 04 novembre 2020: cosa cambia?

Con il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 04 novembre 2020, vengono emanate nuove disposizioni volte a contenere il contagio da Covid-19 nel nostro Paese, alcune valide su tutto il territorio nazionale, altre solo per alcune regioni.

Il nuovo DPCM entrerà in vigore da venerdì 6 novembre fino a giovedì 3 dicembre 2020 e differenzia l’Italia in 3 zone, in base a 21 parametri di calcolo di rischio: giallo, arancione e rosso.

Vediamo ora cosa si potrà e non potrà fare nelle varie zone di rischio:

ZONA GIALLA
Regioni: Liguria, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Sardegna. Abruzzo, Campania, Molise, Basilicata

  • Limitazione della circolazione dalle ore 22 alle ore 5; consentiti gli spostamenti durante le ore di coprifuoco solo per necessità ed emergenze, sarà necessaria l’autocertificazione
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni prefestivi e festivi, ad eccezione di farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno
  • Chiusura di musei e mostre
  • Didattica a distanza per le scuole superiori, ad eccezione di alcune attività di laboratorio e per gli studenti con disabilità; aperte le scuole d’infanzia, elementari e medie. Chiusura delle università ad eccezione di alcune attività di laboratorio e delle matricole
  • Trasporto pubblico con capacità ridotta al 50%, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico
  • Sospensione di qualsiasi attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine
  • Chiusura di bar e ristoranti alle ore 18. Sarà possibile effettuare asporto fino alle ore 22. Consegna a domicilio senza restrizioni
  • Chiusura di palestre, piscine, teatri, cinema; restano aperti i centri sportivi

ZONA ARANCIONE
Regioni: Puglia, Sicilia

  • Limitazione della circolazione dalle ore 22 alle ore 5; consentiti gli spostamenti durante le ore di coprifuoco solo per necessità ed emergenze, sarà necessaria l’autocertificazione
  • Vietati gli spostamenti in entrata ed uscita dalla Regione e da un Comune all’altro; saranno consentiti solo per necessità ed emergenze, con autocertificazione
  • Chiusura di bar e ristoranti. Sarà possibile effettuare asporto fino alle ore 22. Consegna a domicilio senza restrizioni
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni prefestivi e festivi, ad eccezione di farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno
  • Chiusura di musei e mostre
  • Didattica a distanza per le scuole superiori, ad eccezione di alcune attività di laboratorio e per gli studenti con disabilità; aperte le scuole d’infanzia, elementari e medie. Chiusura delle università ad eccezione di alcune attività di laboratorio e delle matricole
  • Trasporto pubblico con capacità ridotta al 50%, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico
  • Sospensione di qualsiasi attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine
  • Chiusura di palestre, piscine, teatri, cinema; restano aperti i centri sportivi

ZONA ROSSA
Regioni: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Calabria

  • Vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario; consentiti gli spostamenti solo per necessità ed emergenze, sarà necessaria l’autocertificazione
  • Chiusura di bar e ristoranti. Sarà possibile effettuare asporto fino alle ore 22. Consegna a domicilio senza restrizioni
  • Chiusura dei negozi, eccezione fatta per supermercati, beni alimentari e di prima necessità
  • Restano aperte: edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici
  • Didattica a distanza per le scuole superiori e per le classi di seconda e terza media. Aperte le scuole d’infanzia, elementari e la prima media. Chiusura delle università
  • Sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute dal CONI e dal CIP
  • Consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione, all’aperto ed in forma individuale
  • Chiusi musei e mostre, teatri, cinema, palestre, sale giochi, sale scommesse, bingo
  • Trasporto pubblico con capacità ridotta al 50%, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico

In tutto il territorio nazionale è fortemente consigliato di attivare lo smartworking per le aziende private che possono attivare la modalità di lavoro agile.
Le pubbliche amministrazioni devono assicurare le più alte percentuali possibili di smart working, compatibili con le potenzialità organizzative e con la qualità e lo svolgimento del servizio erogato.

Ogni dirigente dovrà organizzare il proprio ufficio, su base giornaliera, settimanale e plurisettimanale garantendo il lavoro agile nella percentuale più elevata. E comunque in misura non inferiore a quella fissata per legge.

Fonte: ilSole24Ore