DECRETO GREEN PASS

Decreto Legge 21 settembre 2021, n. 127

In data 22/09/2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 21 settembre 2021, n. 127 che introduce misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo d/ella certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening con validità dal 15 ottobre 2021 al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza. 

Di seguito i punti salienti: 

 

LAVORO PRIVATO

A chi si applica 

Sono tenuti a possedere e a esibire, su richiesta, il Certificato Verde coloro che svolgano attività lavorativa nel settore privato. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute. 

 

Dove si applica 

Il possesso e l’esibizione, su richiesta, del Certificato Verde sono richiesti per accedere ai luoghi di lavoro. La disposizione si applica altresì a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato nei luoghi di lavoro, anche sulla base di contratti esterni. 

 

I controlli e chi li effettua

Sono i datori di lavoro a dover assicurare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre devono definire le modalità per l’organizzazione delle verifiche. I controlli saranno effettuati preferibilmente all’accesso ai luoghi di lavoro e, nel caso, anche a campione. I datori di lavoro inoltre individuano i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle eventuali violazioni. 

 

Le sanzioni

Il Decreto prevede che il personale che ha l’obbligo del Certificato Verde se comunica di non averlo o ne risulti privo al momento dell’accesso al luogo di lavoro, è considerato assente ingiustificato fino alla presentazione del Certificato Verde e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021. Per i giorni di assenza ingiustificata non sono dovuti retribuzione né altro compenso. Non ci sono conseguenze disciplinari e si mantiene il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. È prevista la sanzione pecuniaria da 600 a 1500 euro per i lavoratori che abbiano avuto accesso violando l’obbligo del Certificato Verde e da 400 a 1.000 euro per i datori di lavoro. 

Per le imprese con meno di quindici dipendenti, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, il datore di lavoro può sospendere il lavoratore per la durata corrispondente a quella del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque per un periodo non superiore a dieci giorni, rinnovabili per una sola volta, e non oltre il termine del 31 dicembre 2021. 

 

LAVORO PUBBLICO

A chi si applica

È tenuto a essere in possesso del Certificato Verde il personale delle Amministrazioni pubbliche.  

L’obbligo riguarda inoltre il personale di Autorità indipendenti, Consob, Covip, Banca d’Italia, enti pubblici economici e organi di rilevanza costituzionale. Il vincolo vale anche per i titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice. Inoltre, l’obbligo è esteso ai soggetti, anche esterni, che svolgono a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o formativa presso le pubbliche amministrazioni. 

 

Dove si applica

Il possesso e l’esibizione, su richiesta, del Certificato Verde sono richiesti per accedere ai luoghi di lavoro delle strutture prima elencate. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute. 

 

I controlli e chi li effettua

Come per il lavoro privato, anche per quello pubblico, sono i datori di lavoro a dover verificare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre devono definire le modalità per l’organizzazione delle verifiche. I controlli saranno effettuati preferibilmente all’accesso ai luoghi di lavoro e, nel caso, anche a campione. I datori di lavoro inoltre individuano i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle eventuali violazioni. 

 

Le sanzioni

Il Decreto prevede che il personale che ha l’obbligo del Certificato Verde, se comunica di non averlo o ne risulti privo al momento dell’accesso al luogo di lavoro, è considerato assente ingiustificato fino alla presentazione del Certificato Verde e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021. Per i giorni di assenza ingiustificata non sono dovuti retribuzione né altro compenso. Non ci sono conseguenze disciplinari e si mantiene il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per coloro che sono colti senza la Certificazione sul luogo di lavoro è prevista la sanzione pecuniaria da 600 a 1500 euro e da 400 a 1.000 euro per i datori di lavoro. 

 

PER INFORMAZIONI DETTAGLIATE CONSULTARE IL DECRETO LEGGE

      








 
SCOPRI L'EVENTO
* Si applicano termini e condizion
close-link
close-image